Cerca nel blog

sabato 8 marzo 2008

8 marzo.


Riporto una mia mail che avevo diffuso nel 2006, riscuotendo consensi tutti femminili.

Nell'inverno del 1908, a New York, le operaie dell'industria tessile Cotton scioperarono chiedendo migliori condizioni di lavoro. Lo sciopero durò alcuni giorni, finché l'8 marzo il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte dell'opificio e imprigionò le scioperanti nella fabbrica alla quale venne appiccato il fuoco. Le 129 operaie morirono, arse dalle fiamme.Fu Rosa Luxemburg a proporre, in ricordo della tragedia, la data dell'8 marzo come giornata di lotta internazionale.Fu poi l'UDI (Unione Donne Italiane) a scegliere la mimosa come fiore-simbolo delle donne e dell'8 marzo in quanto il giallo esprime vitalità, forza e gioia; il giallo poi rappresenta il passaggio dalla morte alla vita e ricorda le donne che si sono battute - pena la vita appunto- per la nascita di un mondo giusto.
Oggi è una giornata che celebra la vita, il sacrificio e l'impegno per il rispetto della propria dignità a 360° nel mondo al femminile.
Ci sono ancora oggi paesi dove l'8 marzo è un miraggio, se non sconosciuto....è a quelle donne sopratutto, che auguro di avere la forza di vincere la sfida per la loro vita.

Siete tutte bellissime, auguri.

Aspettando la Primavera, bis.

Questa volta cito Nick Hornby:

"...mi viene da pensare che sia importante avere qualcosa che funziona, nel lavoro o nella vita privata, altrimenti non è vita, ma sopravvivenza.
...Hai bisogno di zavorrarti più che puoi per non andare alla deriva; hai bisogno di gente attorno a te, hai bisogno di vedere camminare le cose, altrimenti la vita è come girare un film e finire i soldi, così non ci sono più scenari, né riprese in esterni, né comparse, ma solo un tizio che fissa la cinepresa senza niente da fare e nessuno a cui parlare, e chi ci crederebbe mai a un personaggio così? Qui mi serve più roba, più frastuono, più particolari, perché ora corro il rischio di precipitare nel vuoto."

venerdì 7 marzo 2008



Povero il bocia giapponese!
Lui voleva un bel robottone per il compleanno, ma la mamma gli regala uno spaturno matarocco....コレジャナイロボ!Questo non è un robot!
Dai fessacchiotto, tutti i robot giapponesi sono bellissimi!
Tra l'altro esiste un sito sullo sfortunato robot, che è anche una chiavetta USB: la vogliooooooooooo!

http://www.din.or.jp/~muracha/
P.S. la performance canora è del mitico Ichiro Mizuki.

lunedì 3 marzo 2008

Aspettando la Primavera.

Giornate strane queste d'inizio marzo, guardo il mondo intorno a me e non lo vedo.
Tutto è trasparente, il peso dei miei pensieri soverchia ogni cosa, anche il nervo ottico che disperatamente cerca d'imprimere nella mia testa le immagini filtrate dagli occhi.
I pensieri poi non sono ordinati, è come vedere il bucato che gira vorticosamente nella lavatrice: sai bene cosa ci hai messo dentro, ma quando inizia la centrifuga diventa tutta un'altra cosa.
Un turbinio d'acqua, detersivo e indumenti, qualcosa di nuovo, diverso.
E' impossibile distinguere i capi mentre girano tutti insieme!
Ci deve essere una sorta di firewall attivato che blocca la mia mente, impedendole di stare attenta e reattiva, di mettere un minimo d'ordine, almeno per capirci qualcosa ed agire.
La mia aggressività positiva va in letargo e mi ci vuole un sacco di tempo per destarla.
Se poi ricevo degli stimoli negativi il disagio, perché di questo si tratta, peggiora.
Non ci sono assolutamente con la testa, o meglio sono molto svogliato.
Rimando di tutto, sono incostante più del solito, inaffidabile, una meraviglia insomma!
Rischio di mandare a monte tutto, non è certo facile starmi vicino oggi......
Inoltre sto sempre male di stomaco, sono nervoso!
Devo darmi una mossa, scegliere uno dei miei tanti interessi e perseguirlo, almeno per riprendere a vivere.
Quando sono giù tendo a bloccarmi, ma in modo pressoché assoluto, peggiorando solo la situazione.
Devo rimettermi nel flusso delle cose, anche se non ho le idee chiare, bisogna improvvisare.